Home
Lev Chadash
Ebraismo liberale
Cosa pensiamo
Attività e servizi
Collegamenti
Documenti e notizie
Chi è in linea
Abbiamo 3 ospiti collegati
Iscriviti alla newsletter
Nome utente

Password

Memorizza
Password dimenticata?
Non sei utente? Registrati ora
Home  Attività e servizi  Attività e servizi  preghiere per i defunti
preghiere per i defunti

La Torà ci insegna ad onorare, amare e rispettare i nostri cari durante tutto il tempo in cui essi ci accompagnano, ma non solo. Il fatto di continuare ad agire in loro nome anche quando essi ci hanno lasciato è considerato dai nostri Saggi come un’importante Mitzvà. “Il figlio onora il padre in vita, ma anche dopo la sua morte...Quando cita un insegnamento in suo nome, non deve dire semplicemente ‘Così diceva mio padre’, ma ‘Così diceva mio padre, mio maestro, che io possa essere un’espiazione per il suo riposo’.(Talmud di Babilonia, Kiddushìn 31b).

Nella tradizione ebraica il ricordo delle persone care scomparse viene celebrato in occasione dell’anniversario della data ebraica della loro morte. Questo avviene attraverso la recitazione di preghiere per l’elevazione della loro anima, e del Kaddìsh, un inno di santificazione del Divino. Le persone che desiderano ricordare qualcuno recitano il Kaddìsh come simbolo del loro essere eredi della spiritualità e degli insegnamenti di chi non c’è più, ed esprimono così la loro determinazione a rimanere parte del popolo ebraico, santificando il nome divino così come fecero i cari scomparsi, pregando e realizzando atti di Tzedakà in loro nome.

 Anche se con il passare del tempo tutti noi impariamo ad accettare la perdita, l’anniversario del decesso costituisce un momento di riflessione e di ulteriore elaborazione, che certamente reca beneficio ai viventi, ma secondo la nostra tradizione può anche essere di aiuto all’anima degli scomparsi e alla dimensione divina stessa, che in qualche modo raggiunge una maggiore pienezza attraverso i nostri atti di santificazione e attraverso l’omaggio che prestiamo a coloro che ci hanno preceduto.

 

Lev Chadash vi propone di aiutarvi in questa importante Mitzvà e di condividerne con voi il suo profondo significato, calcolando per voi la data di anniversario ebraico della scomparsa di persone che desiderate ricordare, e informandovi al suo avvicinarsi. In questo modo le preghiere saranno recitate per queste persone, e voi potrete parteciparvi. Se lo desiderate scrivete all’indirizzo mail o   comunicandoci il nome e la data civile del decesso delle persone che desiderate ricordare.

 

Vi ricordiamo inoltre che anche il giorno di Kippur viene tenuto un ufficio in ricordo dei defunti, quest’anno Sabato 22 Settembre alle ore 18. Anche in questo caso, qualora desideriate che il nome di persone care sia ricordato, non esitate a scriverci.

<Precedente   Prossimo>
Notizie ed eventi

LA NOSTRA DOCUMENTAZIONE
I commenti delle parashot già lette quest'anno, gli interventi più vecchi che ci riguardano, le discussioni all'interno della comunità si trovano nella sezione "articoli e documenti". Per arrivarci, cliccate qui

DICONO DI NOI  4 

"Mosaico", bollettino on line della Comunità Ebraica di Milano ha appena pubblicato questa intervista al presidente di Lev Chadash, con un'interessante scheda sull'ebraismo riformato in Israele

LA PARASHA DELLA SETTIMANA 

Miqqets, Genesi 41,1-44,17

Shabbat Chanukah, 8 dicembre 2007 / 28 Kislev, 5768

Leggi tutto...

Il senso e le regole di Hannukka
di Rav Haim Cipriani

Leggi tutto...

LE ATTIVITA' DELLA SINAGOGA PER LE PROSSIME SETTIMANE

Leggi tutto...

UNA POLEMICA SULL'EBRAISMO RIFORMATO

David Piazza ha ripubblicato un paio di settimane fa sul suo blog "Kolot" un'antica polemica (1850 circa) di rav Shmuel David Luzzato contro l'ebraismo riformato dei tempi suoi, che chiaramente ha poco a che fare con quel che accade un secolo e mezzo dopo, anche se ci conferma che il tema dell'ebraismo modernista non è certo un fuoco di paglia. E' poi uscita
- una risposta di Claudio Canarutto,
- una replica di Piazza a questo intervento,
- tre prese di posizione a sostegno dell'ortodossia, 
- una riflessione di Ugo Volli presidente di Lev Chadash
- cui Piazza ha replicato ancora,
- e un intervento di Bruno di Porto.

E' un dibattito importante, perché esso riempie il vuoto delle istituzioni dell'ebraismo italiano sulle istanze di cui Lev Chadash è il principale portatore in Italia.

Per i lettori interessati pubblichiamo qui di seguito tutto il dossier. Gli ultimi interventi (del nostro past president Aldo Luperini e di Elia boccara) si trovano qui  sul nuovo blog di Piazza.

Leggi tutto...

PERCHE' UNA SINAGOGA PROGRESSIVA IN ITALIA? 

Leggi tutto...
HAVURAH ROMANA DI LEV  HADASH

 

Leggi tutto...
Una mostra su Lele Luzzati a parma dal 2 al 31 dicembre
Leggi tutto...